Bandi europei: unica via per fare impresa?

Il tema per il prossimo contest di Senza Filtro è scelto dalla vincitrice del numero scorso

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questo è lo spazio dedicato al nostro contest. L’appuntamento è ogni quindici giorni: il vincitore del contest precedente darà il tema per quello successivo. Inoltre, l’autore dell’articolo vincitore sarà invitato a partecipare alla successiva riunione di redazione.

Non resta che tirare fuori le vostre opinioni, commentate in massimo 2.000 battute e speditele entro il 6 gennaio alla mail: senzafiltro@fiordirisorse.eu.

Questa volta vi proponiamo il tema scelto dal vincitore del numero scorso, Diana Orefice.

Diana ha scelto di sollevare il tema dei bandi europei: “questi strumenti rappresentano l’unica chance per avviare o salvare un’impresa in italia?”

LEuropa spinge sui liberi professionisti, considerati un “driver dell’economia” e ne è una riprova il fatto che anche i lavoratori autonomi e le partite Iva hanno avuto l’accesso ai fondi e ai bandi Ue.

Voi cosa ne pensate? L’accesso ai finanziamenti comunitari sono l’unica via per far ripartire il lavoro nel nostro paese?

 

Giornalista professionista. Ex allieva della Scuola di giornalismo di Urbino (biennio 2012/2014). Dallo sport alla cultura, il ruolo di ufficio stampa e di giornalista "dietro le quinte" le si addice. Ha conseguito una laurea magistrale in Editoria, informazione e sistemi documentari presso l'Università di Urbino e una triennale in Scienze della Comunicazione presso l'Università di Macerata. Da sempre è appassionata di arte, cinema e moda. [ Guarda tutti gli articoli ]

Commenti

X