Quindicinale n.39, 30 novembre 2016

Federico Ott. “Il Capo consiglia di leggere”

Gestire il personale con un pizzico di buona psicologia aiuta tutti. Altrimenti guardate ai pinguini.
Il Capo consiglia di leggere
Shares

John Gray, “Gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere” è un grande classico della letteratura di genere che però consiglio di prendere in mano con l’ottica di un Capo che gestisce un team per lo più al femminile. Per chi lavora con una squadra così, è fondamentale trovare un linguaggio comune, un terreno neutro dove poter mettere a frutto le rispettive differenze e trasformarle in un valore. Imparare piccoli trucchi e meccanismi divertendosi al tempo stesso, rende qualsiasi libro molto più efficace. A suo modo, si tratta di un piccolo manuale.
Ci sono tanti testi che trattano in modo più o meno esaustivo il tema della comunicazione, sia in azienda che nelle relazioni personali, ma ritengo che “Management dell’ascolto” di Passerini & Tomatis sia innovativo per l’approccio pratico al tema dell’ascolto e alle implicazioni aziendali della buona pratica. E’ nell’impostazione di un nuovo concetto di ascolto che questo libro trova la sua forza perché gli autori propongono concretamente un percorso per riscoprire questa virtù un po’ troppo dimenticata nei posti di lavoro.
E’ comunque estate e non si deve chiedere troppo al nostro cervello che reclama il meritato riposo. Per questo, nulla di meglio che una favola per riflettere con leggerezza sulla nostra capacità di prevedere il cambiamento ed accettarne le implicazioni: “Il nostro iceberg si sta sciogliendo” di John Cotter. C’è sempre da imparare dal mondo naturale e i protagonisti – una colonia di pinguini alle prese con una piccola grande rivoluzione – ci insegnano che più i nostri ritmi di vita vanno in accelerazione, più i loro metodi nel fronteggiare i cambiamenti possono rivelarsi indispensabili anche per noi.
Infine, un titolo in più rispetto a quelli previsti. E’ tutto oro che cola. Una raccolta di storture verbali, di espressioni e modi di dire itliani stravolti per ignoranza o per pigrizia, non so quale delle due cause sia peggiore. Titoli professionali inesistenti o vuoti, frasi senza senso buttate lì durante le riunioni di lavoro o dentro i curriculum. Tutto tenuto saldo dalle risate che inevitabilmente fanno da contraltare all’assurdità del parlare quotidiano. Un libro che sposa il sociale perchè tutto il ricavato derivante dai diritti d’autore sostiene la Giglio Onlus di Torino nel progetto “Le case del Giglio”: disponibilità gratuita di alloggi ai genitori (non residenti ed economicamente svantaggiati) dei bambini ricoverati all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino. E’ per questa buona causa che suggerisco un libro extra e spero non me ne vogliate per il fatto che l’autore sono io.

Shares


Autore
Torinese, classe ‘68, laureato in giurisprudenza. Dal 2012 è l' HR Director del gruppo Landi Renzo. Il suo percorso professionale in ambito HR inizia in IVECO come responsabile sindacale dei plant torinesi. Negli anni successivi, dopo una esperienza di due anni in area sviluppo Iveco worldwide, ricopre il ruolo di HR manager in stabilimenti strategici in Italia ed all’estero. Nel 2010 entra in Comau dapprima come HR Business Partner e, in seguito, in qualità di global HR Industrial Operations. L'amore per l'arte e il teatro non lo ha mai abbandonato e, oltre ad una commedia, nel 2012 ha pubblicato “E’ tutto oro che cola”, il suo primo libro legato ad un progetto benefico.
Commenta questo articolo