Quindicinale n.39, 30 novembre 2016

Poco merito e molte raccomandazioni: perché le aziende italiane non saranno mai “great places”

Nel nostro paese si trovano le migliori segretarie e i peggiori manager
My_Boss_Is_A_J-E-R-K!
Shares

Tra i commenti pervenuti in redazione per partecipare all’ultimo contest che abbiamo lanciatoil migliore è stato quello di Giuliano Stefanelli, che pubblichiamo: potrà quindi partecipare alla nostra prossima riunione di redazione e scegliere con noi il tema per il contest successivo. 

Il tema lanciato il 14 ottobre scorso chiedeva una riflessione sul perché le aziende italiane non si trovino nella classifica dei “Great Place to Work”.

La classifica delle aziende che vengono vissute come luoghi di lavoro eccellenti si basa su innumerevoli parametri ma hanno un comune denominatore: obiettivi chiari e condivisi, innovazione, creatività.
Come mai non compaiono in classifica aziende italiane? Ovvio, in Italia le aziende non hanno nel loro Dna l’attenzione ai parametri in questione.
Il primo ministro italiano in una recente visita in sud America ha detto: “prima del business vengono i valori”. Belle parole, ma che male si sposano con la cultura imprenditoriale italiana.

In realtà la nostra classe imprenditoriale non ha la forza e la capacità di contrapporsi alla amoralità diffusa del nostro paese. Non è un caso che le aziende più grandi siano presenti in quei paesi dove c’è una maggiore fiducia nell’onestà dei propri concittadini.

Tutto ciò si ripercuote nell’ambito gestionale dell’azienda: non esiste la delega (per paura di perdere il proprio potere), nessuna trasparenza né condivisione. La meritocrazia è stata sostituita dalle raccomandazioni e le imprese passano di padre in figlio a prescindere dalle capacità di quest’ultimo di creare valore aggiunto.
Potremmo continuare a lungo… in poche parole è una questione morale.
Se l’Italia è il paese con le migliori segretarie e i peggiori manager non sarà mica un caso.

Shares

Tags: , , , , ,



Autore
Libero professionista dal 2014. Trent'anni trascorsi nella gestione risorse per svariati gruppi bancari nell'ambito della distribuzione dei prodotti finanziari. Girovago per lavoro, ha toccato i più importanti mercati italiani: Campania, Lazio, Lombardia e Triveneto. Socio fondatore di Euroform srl società di formazione/consulenza per Banche e SIM.
Commenta questo articolo