Quindicinale n.39, 30 novembre 2016

Take a digital break

Ottimi motivi per prendersi una pausa dallo smartphone
take a digital break
Shares

Il 75% delle persone che usa il telefono cellulare ammette di tenerlo sempre ad un massimo di un metro e mezzo di distanza, il 60% ammette di controllarlo ogni ora. Il 39% dice di portarlo con se quando va alla toilet, il 12% di portarlo nella doccia e il 20% ammette di darci un occhio pure mentre fa l’amore. Se sei anche tu tra queste percentuali (puoi fare un test per valutare il tuo grado di dipendenza) è giunta l’ora di fare una pausa. E ci sono degli ottimi motivi per farlo. Ecco di seguito quali.

Crea problemi di salute

I telefoni cellulari richiedono l’uso costante delle mani e questo nel tempo può causare l’infiammazione delle articolazioni e aumentare il rischio di dolore cronico. Persino il mal di schiena può essere causato dall’uso del telefono cellulare, soprattutto se lo si tiene tra il collo e le spalle mentre si compiono altre azioni parlando al telefono. Lo sostiene Healthcentral, grande gruppo Americano di informazione sulla salute.
Secondo il TheVisionCouncil, che dichiara che il 70% degli americani soffre di problemi visivi di natura “digitale”, gli schermi dei dispositivi mobili tendono ad essere più piccoli degli schermi dei PC e quindi si tende più facilmente a strizzare gli occhi e affaticarli durante la lettura, e questo con il tempo può causare problemi alla vista.
Uno studio dell’Università di Gothenburg ha scoperto che un assiduo uso del telefono cellulare è associato a stress e disturbi del sonno per le donne, e a disturbi del sonno e sintomi della depressione negli uomini.
Infine, una ricerca condotta dall’Università di Londra ha analizzato 390 cellulari misurandone i livelli di batteri e scoprendo che i residui oleosi che si vedono sull’apparecchio contengono più germi di malattie della tavoletta del water. Da qui l’aumento del rischio di malattie del sistema immunitario.

Influisce negativamente sulle emozioni

In uno studio condotto presso l’Università dell’Essex sono stati analizzati gli effetti della presenza di un dispositivo mobile durante una conversazione. 37 coppie di estranei sono state invitate a trascorrere 10 minuti parlando di un evento interessante accaduto nella loro vita: la metà dei partecipanti era seduto in una zona appartata con un dispositivo mobile presente, mentre l’altra metà è rimasta senza cellulari. Coloro che possedevano un dispositivo mobile erano percepiti in maniera meno positiva, con sentimenti negativi di minor fiducia e maggior distacco, dalla persona appena conosciuta rispetto ai partecipanti senza telefono. Questi risultati dimostrerebbero che la presenza di telefoni cellulari interferisce con i rapporti umani, un effetto che è ancor più evidente quando gli individui stanno discutendo temi personalmente significativi.

Provoca innovative sindromi digitali

Ci sono tutta una nuova serie di sindromi più o meno gravi e solo pochi di noi possono dire di non esserne affetti:
Nomofobia, ovvero la paura compulsiva di rimanere senza telefono cellulare, di ritrovarsi improvvisamente isolati in una zona senza campo o di avere lo smartphone scarico senza una presa elettrica nei paraggi. Insomma, è l’ansia di rimanere scollegati dal mondo esterno.
F.O.M.O. – Fear of missing out – cioè il senso di ansia al pensiero che un evento eccitante e interessante possa avere luogo da qualche altra parte, in sostanza la paura di perdersi qualcosa.
Checking Habits, l’abitudine a controllare ripetitivamente le e-mails e le altre applicazioni: è molto comune ed è molto difficile da evitare, perché si tratta di un’azione inconscia, inconsapevole.

Cosa fare?

  • Spegni il cellulare quando ti trovi a conversare con qualcuno, o almeno mettilo in silenzioso e nascosto, per dare piena attenzione all’interlocutore.
  • La sera non guardare il telefono per almeno le due ore prima di coricarsi, in questo modo si tutelano i livelli di melatonina e i corretti cicli del sonno.
  • Il giorno che esci a cena ‘dimentica’ il telefono a casa e tieni spento il cellulare almeno una volta a settimana.
  • Prenditi delle pause: esiste un’app (calm) che invita a prendersi una pausa meditativa proponendo sessioni guidate, scenari naturali e musiche rilassanti.
  • Blocca messaggi e notifiche (offtime è un app che aiuta a bloccare telefonate, messaggi e notifiche, a rispondere tramite risposte automatiche, a limitare l’accesso alle applicazioni e Internet)
  • Prendi consapevolezzaBreakFree serve per monitorare e prendere il controllo delle abitudini di utilizzo dello smartphone e della vita digitale, e aiuta a controllare i propri livelli di dipendenza.
  • Ed infine un’app per disintossicarsi dalle apps: AppDetox aiuta a diminuire l’impulso a utilizzare apps e ad impostare le proprie regole per l’uso delle applicazioni. Ogni volta che si viola una regole l’app ti ricorda di fare una pausa e interrompere l’uso delle apps.

E se non sei ancora convinto che è ora di prendersi una pausa dal tuo smartphone guarda questo video.

 

Shares

Tags: , ,



Autore
Influenze nordiche, ma cuore latino, ha deciso che il suo scopo nella vita è "Organizzare Italia". Sabrina è una Professional Organizer che aiuta le persone ad organizzarsi meglio, per lavorare con meno fatica e per vivere più sereni e soddisfatti. E' fondatrice e presidente dell'associazione professionale APOI (www.apoi.it), scrive per diversi blog e alcune riviste cartacee. In maggio 2015 è uscito il suo primo libro con Mondadori 'Facciamo ordine - in casa, nel lavoro, nella vita'. E “siccome i sogni nel cassetto fanno la muffa, io ho buttato via il superfluo ed ho tirato fuori il mio!”
Commenta questo articolo