Paolo Schino

Il negozietto di famiglia, gli studi all’industriale. Dopo il diploma subito in fabbrica, mai un giorno da inoccupato. Può non sembrar vero, ma siamo a Bari in Puglia. Operaio dal ’98 in una multinazionale canadese dell’automotive, dove le tute non sono mai state blu come altrove. Curioso, approfitta dell’apertura del corso di Psicologia del Lavoro a Bari iscrivendosi nel 2000 per cercare nuovi maestri, avere un futuro nelle HR, e per capire meglio quali saranno gli scenari che verranno. Quindi la laurea in Sociologia delle organizzazioni ma, per un caso di tipico di sliding doors, cambia, e continua gli studi specializzandosi in psicoterapia cognitiva comportamentale. Resiliente, alternandosi coi turni in fabbrica, dal 2013 ha svolto tirocini e poi consulenze come psicoterapeuta. Restando in fabbrica, in produzione, è il momento delle grandi transizioni delle dinamiche organizzative, e il sindacato è il posto dove occuparsi di risorse umane, ma in modo diverso, alla Di Vittorio. Alcune esperienze da consulente recruiter servono a mettere il naso fuori dall’azienda. Collabora con Fiordirisorse per la realizzazione del Reportage sulla Puglia, partecipa al Reloaded 2019, e del Manifesto di FdR scrive la definizione della parola Sicurezza.