Il Lato A di Sandro Campagna

Scarica il podcast della puntata. Recita wikipedia che Alessandro Campagna detto Sandro, nato a Palermo il 26 giugno del 1963, è un ex pallanuotista, attualmente coach della Nazionale italiana, il famoso “Settebello”. Campione olimpico nel 1992 a Barcelona in una mitica finale contro la Spagna di Manuel Estiarte, allenatore di successo in Italia e all’estero e potremmo […]


Scarica il podcast della puntata.

Recita wikipedia che Alessandro Campagna detto Sandro, nato a Palermo il 26 giugno del 1963, è un ex pallanuotista, attualmente coach della Nazionale italiana, il famoso “Settebello”. Campione olimpico nel 1992 a Barcelona in una mitica finale contro la Spagna di Manuel Estiarte, allenatore di successo in Italia e all’estero e potremmo andare avanti per ore.

Ho avuto la fortuna di conoscere il lato meno pubblico di questo siciliano vero, che della sua terra trasmette il calore, la passione e la determinazione che permette di raggiungere traguardi importanti. È davanti a una birra che gli ho chiesto di raccontarmi la sua storia attraverso quattro canzoni. Senza esitazione siamo partiti con Please Don’t Go, un pezzo del 1979 dei KC and the Sunshine Band, noto anche per la sua cover in versione dance dei Double You. Era il 1992, l’anno delle Olimpiadi di Barcelona, e Sandro la ascoltava prima di ogni partita perché gli trasmetteva una carica incredibile; divenne presto anche un suo portafortuna. Ancora oggi, quando la sente, ha un brivido al pensiero di quella fantastica avventura. E’ come rivedersi nel tunnel che portava alla piscina: mentre la squadra spagnola rideva, si caricava a voce alta, loro erano in silenzio, concentrati, con una determinazione granitica e parevano non accorgersi della presenza degli avversari. Mi raccontò lo stesso Manuel Estiarte qualche anno fa che in quel momento capirono di aver perso la partita.

Le parole e le note di Sir Elton John hanno invece accompagnato un periodo difficile e delicato della sua vita: la perdita dell’amato padre nella casa acquistata insieme tra campagna e mare e il momento successivo del ricostruire, trovando nuovi equilibri e nuovi punti di riferimento. Quel passaggio così intenso della sua vita Sandro lo rivive ogni volta che sente le prime note di Nikita.

In viaggio, un brano del 2012 magistralmente interpretato da Fiorella Mannoia, è invece il pezzo che meglio rappresenta il valore dei suoi figli che vede crescere in fretta ma anche il ricordo di quando, giovanissimo, lasciava la Sicilia per inseguire il suo sogno.

Ho temuto questo giorno / è arrivato così in fretta / E adesso devi andare / la vita non aspetta.

Anche oggi Sandro è sempre in viaggio ma l’amore per la sua terra e le sue radici sono ancora viscerali.

Nel periodo tra il 2003 ed il 2008 ha allenato la nazionale greca che per la prima volta conquistò una medaglia ai mondiali e giunse poi quarta alle Olimpiadi eliminando proprio il Settebello azzurro. La colonna sonora di quel periodo era Tiziano Ferro, Non me lo so spiegare.

Ogni dettaglio è aria che mi manca.

In quel momento della vita mi racconta di essere stato molto più sensibile del solito. Un periodo estetico e poetico, quasi romantico, per le emozioni forti che stava vivendo: lasciare l’Italia e vivere lontano dalle proprie radici, dalla famiglia, rimettere in gioco la carriera e soprattutto giocare contro la sua nazionale.

Photo credits: La Presse
Photo credits: La Presse

 

 

Lato B, il ruolo in azienda

Nel suo ruolo di manager di un team, la musica è un elemento sempre presente, del resto il suo lavoro è ritmo puro. Se hai un ritmo migliore dell’avversario vinci, se rompi il ritmo dell’avversario vinci.

Sandro usa spesso la musica come metafora ed il suo ruolo può essere paragonato a quello di un direttore d’orchestra che deve ottenere una sinfonia quasi perfetta, anche con una orchestra che potrebbe non esserlo. Solo così si diventa campioni.

Prima dei saluti chiedo a Sandro quale canzone gli viene in mente che tratti il tema del lavoro e la scelta è inaspettata come un goal all’ultimo secondo. È Gli operai dell’indimenticabile Giorgio Gaber.

Il viaggio musicale nelle aziende continua.

 

Credits:

Snooky Records Studio di Marzio Francone

Foto di copertina: Unsplash.com. Saxophone by A. J. O’Reilly

CONDIVIDI

Leggi anche

La regola dalla parte della divisa

“Le regole sono fatte per essere infrante.” Citazione dal film Assassinio sul Nilo di Marie van Schuyler. Ma c’è chi di regole vive e ne fa uno stile di vita, un esempio per una società ormai votata alle scorciatoie. In ogni campo. Chi fa questo tipo di concorso, sa già a priori cosa lo aspetta. […]

Vittorio Moretti e la Franciacorta: “Qui il terroir è fare impresa”

Dietro l’etichetta c’è un mondo. Franciacorta. Un unico termine per identificare in modo preciso il territorio, il metodo di produzione e il vino. Le “guerre”, le comparazioni con Champagne e Cava (le altre denominazioni realizzate con la rifermentazione in bottiglia), sono ormai sullo sfondo, perché questo territorio nel cuore della Lombardia, affacciato sulle sponde del […]