Il Lato A di Marco Ceresa

Scarica il podcast della puntata   Marco Ceresa, originario di un piccolo paese vicino a Lecco, oggi vive a Bologna e lavora a Milano. Laureato in Bocconi, ha fatto carriera in Philips in Austria e Olanda prima di rientrare in Italia e approdare in Randstad Italia di cui oggi è Amministratore Delegato. Della provincia Marco […]

Scarica il podcast della puntata

 

Marco Ceresa, originario di un piccolo paese vicino a Lecco, oggi vive a Bologna e lavora a Milano.

Laureato in Bocconi, ha fatto carriera in Philips in Austria e Olanda prima di rientrare in Italia e approdare in Randstad Italia di cui oggi è Amministratore Delegato.

Della provincia Marco conserva la semplicità e la schiettezza. La sua è stata una gioventù piena di musicisti: il papà era medico e lì intorno abitavano pazienti illustri quali Battisti, Celentano, la Vanoni e Fausto Leali.

E’ proprio attraverso la musica – e in sole quattro canzoni – che mi racconta la sua storia.

Marco viveva e lavorava a Vienna in un periodo in cui non c’erano radio e TV italiane e il giornale arrivava il giorno dopo. Sembra un altro mondo raccontato oggi ma erano proprio le nostre canzoni, famose all’estero, a fargli sentire l’Italia vicina. Una di queste, in particolare, lo ha sempre rappresentato, lui che si è trasferito dal paese alla città per studiare, con la semplicità di chi guarda al mondo con entusiasmo e la voglia di scoprire e conoscere cose nuove.

E’ stato anche il disco regalatogli dalla mamma a lasciargli un segno: la storia di qualcuno che lascia il paese per andare a vedere come è fatto il mondo. Proprio come il Ragazzo della via Gluck.

Crescendo Marco aveva anche tentato, sulle orme del papà che era un buon giocatore, la strada dello sport: una stagione nelle squadre giovanili del Lecco. Ma mi confessa che a mettere fine alla carriera fu una frase che l’allenatore disse al padre. “Il ragazzo farà strada – salvo aggiungere – per cui è meglio che continui a studiare”.

Marco ha la forte convinzione che i successi si costruiscano con la fatica e col lavoro, tranne i rari casi in cui si è dotati di un talento straordinario: niente, per lui, descrive tutto questo come il pezzo che descrive perfettamente un simile modo di vivere la vita e affrontarne le sfide. Anche Marco sente con orgoglio di vivere Una vita da mediano.

Per propormi un altro pezzo di vita e musica Marco mi confida la storia dei suoi grandi amori: pochi ma molto intensi e vissuti con tutto se stesso. Del resto una storia d’amore per funzionare richiede impegno, sangue e sudore – mi dice – perché non sempre tutto va come vorremmo. Ma bisogna crederci sempre.

Spezza le vene delle mani  / Mescola il sangue col sudore / Se te ne rimane

È come un altare di sabbia in riva al mare.

E’ difficile raccontare meglio di Ivano Fossati La costruzione di un amore.

All’inizio degli anni 2000 Marco è in viaggio, un bellissimo tour nel sud della Spagna che è anche l’occasione per scoprire persone e culture nuove. Proprio per questo si ascoltava solo musica rigorosamente ispanica; una in particolare è rimasta nel cuore come l’emblema di quei momenti: la voce di Andrés Calamaro prende in prestito un brano magnifico di Joaquin Sabina: Contigo.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Lato B, il ruolo in azienda

Avendo lavorato molti anni nel gruppo Philips, in particolare per il brand Marantz, la vicinanza con la musica è sempre stata una costante. Nel 1991, però, l’azienda di cui era Direttore commerciale decise di sponsorizzare una tournée: e così Marco ha avuto l’occasione di vivere in prima persona l’atmosfera dei live a Parigi, Vienna e Amsterdam. Quel suono di chitarra così unico lo stregò letteralmente: era Mark Knopfler con i Dire Straits ed è come se fossimo lì ora, proprio quando inizia On every street.

Ora si tratta di scegliere una canzone che parla di lavoro e che rappresenti il suo modo di intendere il lavoro: un grande gioco. Un gioco a cui si gioca seriamente, rispettando le regole e con l’impegno e il rigore che solo i bambini sanno metterci. Ma resta pur sempre un gioco dove passione e divertimento non dovrebbero mai mancare. E’ ancora Celentano a ricordarci che Chi non lavora non fa l’amore.

Il viaggio musicale nelle aziende continua.

 

Credits:

Snooky Records Studio by Marzio Francone

Unsplash.com. Saxophone by A. J. O’Reilly

CONDIVIDI

Leggi anche

Il paradosso del CRM

L’idea di aziende data driven, e cioè guidate dall’analisi di tutti i dati necessari, e l’idea che le decisioni vengano prese sulla base di solidi dati a supporto sono solo miraggi. Data driven è un termine ideale, di difficile attuazione anche per le grandi corporate, quelle che non hanno mai problemi di budget. Ci potremmo accontentare, piuttosto, che le industrie […]

Seconda generazione: fratelli al 100%?

Perché chiudo l’azienda di famiglia? I miei figli non la vogliono. Con questo titolo il compianto Giuseppe Bortolussi presentava il paradosso del passaggio generazionale in Veneto nel Settembre del 2012, ancora nel pieno della grande crisi scoppiata nel 2008. Dall’essere un onore, una fortunata predestinazione, acquisire l’impresa di famiglia stava diventando un onere, un peso […]

Il segreto della segretezza in azienda

La libertà alla segretezza richiama i concetti di apertura e di chiusura, due estremi dentro cui le aziende spesso rimbalzano in una elastica indecisione e nello squilibrato equilibrio delle opposte polarità. Non spaventiamoci, però, per l’apparente contorsione sintattica: le aziende spesso dimenticano che loro stesse coincidono con chi ci lavora e altrettanto sovente i dipendenti […]