A Rimini, Il Pescato del Canevone

Buoni Pasti è la rubrica aperta a coloro che vogliano segnalare in tutta Italia ristoranti, enoteche e locali particolarmente indicati per pause pranzo o cene di lavoro, con un occhio attento non soltanto al menù ma anche al contesto e ai servizi offerti. Gli articoli sono coordinati e curati da Elena Farinelli ma Senza Filtro […]

Buoni Pasti è la rubrica aperta a coloro che vogliano segnalare in tutta Italia ristoranti, enoteche e locali particolarmente indicati per pause pranzo o cene di lavoro, con un occhio attento non soltanto al menù ma anche al contesto e ai servizi offerti.
Gli articoli sono coordinati e curati da Elena Farinelli ma Senza Filtro provvede a indicare puntualmente l’autore della segnalazione.
I contributi vanno inviati a: senzafiltro@fiordirisorse.eu indicando nell’oggetto della mail “Segnalazione Buoni Pasti”.

Avevo sentito parlare di questo ristorante da un’amica anni fa, ma ero un po’ prevenuta, “perché a Rimini i ristoranti di pesce devono essere sul lungomare”, e invece…
Il posto è a dir poco splendido, a partire dal palazzo storico (al piano terra si può ammirare persino uno stemma moresco): il Canevone è un tipo di costruzione veneziana di epoca medioevale, dove veniva venduto il vino al minuto, quando non era adibito a magazzino per il grano. L’interno è grazioso, chic, ma non pretenzioso, particolarmente caldo e accogliente. Le note rustiche e di colore ricordano il Sud della Francia.
Il personale, molto attento e professionale, accoglie i clienti con un grande sorriso, e quel fare romagnolo che conquista tutti, spiegando minuziosamente i piatti presenti nel menù.
La chicca del locale infatti è questa: il menù varia di giorno in giorno, a seconda del pescato, che viene proposto in maniera creativa e gustosa ai clienti; su una grande lavagna sono riportate le pietanze del giorno con i relativi prezzi, cosa da non sottovalutare quando si ha a che fare con il pesce.
Ottime le pappardelle con il ragù di pesce al coltello e le fave, i sardoncini fritti con le cipolle di tropea (consigliatissimi come antipasto), la spadellata di fagiolini con i calamari, le tartare, il crudo misto e il classico trancio di tonno grigliato che non delude mai. Questi, solo per citarne alcuni. Anche i dolci sono degni di nota, soprattutto il classico mascarpone, ma non sono da meno i semifreddi (quello al torroncino è davvero goloso).
Carta dei vini di livello, e se non siete bevitori-intenditori il personale saprà consigliarvi al meglio, con attenzione.
I prezzi delle portate, che sono abbondanti, soprattutto i primi, variano tra i 10 e i 18 euro. Il costo di una cena parte dai 30/35 €, ma dipende molto dal vino che si sceglie.
Un ristorante adatto a qualunque occasione: di lavoro, oltre che di coppia.

Dove si trova: posizione centralissima vicino a piazzetta Ducale, non particolarmente lontano dall’Università e dal lungomare. Raggiungibile anche con i mezzi.


Servizi
Pro: gentilezza e professionalità, attenzione ai clienti, ottima scelta delle materie prime e dei vini.
Contro: Chiusura del sabato a pranzo.
Prezzi: A partire da 30 €. I prezzi variano molto anche dai vini che si scelgono.
Wi-fi: No
Parcheggio: parcheggi a pagamento vicini o su strisce blu.
Carte: tutte
Buoni pasto: No
Fattura: sì
Tempi di attesa: medi
Nome: Il Pescato del Canevone
Indirizzo: Via Luigi Tonini, 34, 47921 Rimini RN tel. +393663541510
Sito: www.ilpescatodelcanevone.it
Orari: Aperto dal martedì al venerdì a pranzo e a cena. Sabato aperto solo a cena.
Chiuso il lunedì
Prezzi: A partire dai 30 €; singole pietanze a partire dai 9 €
Da notare: Gentilezza e professionalità. Si accettano prenotazioni sia a pranzo che a cena

CONDIVIDI

Leggi anche

Tutto l’ottimismo di Expo 2015

Sono passati appena dieci giorni dall’inaugurazione dell’Esposizione Universale a Milano, ma sembra trascorso un tempo decisamente più lungo. I temi posti all’opinione pubblica, attraverso i media, sono stati: l’inno italiano rivisitato, gli scontri a Milano dei black bloc, la gaffe del Premier Matteo Renzi sulla ROLEX nota casa di orologeria svizzera e infine le lunghe […]

Il libro digitale non salverà la scuola

Pensando alle difficoltà che gli editori di libri scolastici trovano nel lavorare con il digitale mi torna in mente una favola, attribuita a Esopo e più volte rimaneggiata nel corso dei secoli per trarne insegnamenti diversi. È la storia della gara tra la lepre e la tartaruga: la lepre abusa del suo vantaggio e si […]