- Advertisement -
Basta con la favola dei giovani che non vogliono lavorare

Basta con la favola dei giovani che non vogliono lavorare

I media tradizionali continuano a rilanciare notizie false su giovani che non avrebbero voglia di lavorare. Neanche i giornalisti ne sono immuni?

Marco Brando

7 Ottobre 2020

Quante notizie false circolano sul mondo del lavoro e della ricerca di un impiego? Tante, non c’è dubbio: non solo nei social network, anche in organi di informazione autorevoli. Con il rischio di demotivare, disorientare e mortificare – magari in un solo colpo – chi cade nella trappola di altalenanti illusioni e disillusioni.

Un esempio è la voce, ripresa a suo tempo da tanti media, sulle presunte resse (e risse) tra aspiranti fruitori del reddito di cittadinanza: si diceva che fossero accorsi davanti agli uffici preposti un istante dopo l’annuncio dell’intenzione di varare il controverso provvedimento. Però la superstar delle bufale in questo campo è quella che spesso porta alla conclusione – nella chiacchierata al bar così come nelle redazioni e nelle stanze della politica – che “i giovani non hanno voglia di lavorare”. Non ne avrebbero voglia nonostante una disoccupazione record – da tempo attorno al 30%, secondo l’Istat – tra gli under 24.

Le aziende che non trovano collaboratori, notizia falsa per eccellenza

È una teoria campata in aria o, per lo meno, superficiale. Però trova “conferma” in valanghe di articoli e servizi televisivi, sfornati ogni qual volta un qualsias…