- Advertisement -
Mario Draghi non ha i social. La politica è nuda?

Mario Draghi non ha i social. La politica è nuda?

Mario Draghi pronto per l’incarico di Governo, ma sui social SuperMario non ha profili, né cinguettii. Solo qualche fake. Leggo questo titolo dentro la newsletter di Prima Comunicazione e l’istinto – in subaffitto nella mia parte di cervello razionale – mi porta a pensare: e se fosse che finalmente torniamo ad una politica fatta e gestita nei suoi luoghi naturali e non urlata solo sul web, senza sostanza e figlia solo dei protagonismi?

Poi mi dico che varrebbe la pena sentire il parere di chi mastica con competenza le logiche dei social per capire se è un elemento neutro oppure no il fatto che un politico – in questo caso un potenziale Presidente del Consiglio o comunque il premier al momento incaricato – non abbia la minima presenza comunicativa sul web.

Bruno Mastroianni: non essere sui social è già un messaggio di Draghi

Raggiungo quindi Bruno Mastroianni: filosofo, giornalista, social media manager di trasmissioni Rai ma di certo uno dei maggiori esperti contemporanei di discussioni online, conflitti e comunicazione di crisi.

“Citando il primo assioma della comunicazione di Paul Watzlawick, secondo cui è impossibile non comunicare, la scelta di Draghi di non essere online in modo attivo e diretto è già un messaggio. Dire se sia positivo o negativo è più complesso. Vivendo in un mondo iperconnesso ed essendo abituati come pubblico e cittadini ad avere ormai quasi sempre la fonte diretta della comunicazione sui social – e certi interlocutori politici se ne sono pure approfittati, saltando i media o costringendoli alla rincorsa come Trump o Salvini che sono stati i più abili a dettare da lì l’agenda dei media – l’assenza di Draghi è un’assenza piena di messaggi. Non possiamo averlo a disposizione, non possiamo commentare le sue idee o le informazioni che dà su sé stesso. Però facciamo attenzione ad un altro aspetto: ci sono delle star in rete che non hanno profili sui social. Penso ad Alessandro Barbero, storico e divulgatore che collabora anche a Super Quark: i suoi contenuti in rete sono ovunqu…