Elezioni Lombardia: Mara Ghidorzi risponde alle cinque domande sul lavoro di SenzaFiltro

La candidata di Unione Popolare alla Regione Lombardia parla a SenzaFiltro delle declinazioni lavorative del suo programma politico

Mara Ghidorzi, candidata alle elezioni il Lombardia del 2023

Mara Ghidorzi è candidata presidente per la lista di Unione Popolare Lombardia alle prossime elezioni regionali. Nata il 25 aprile 1981, ha una laurea in Sociologia e ha perfezionato la propria formazione nel campo delle politiche di genere, sia tramite percorsi accademici che a livello politico e sociale.

“Il femminismo – dice – ha profondamente influenzato il mio agire politico e credo fortemente che diritti sociali e diritti civili debbano essere fra loro interconnessi senza gerarchie”. Lavora come progettista e ricercatrice su tematiche legate all’inclusione socio-lavorativa, la cittadinanza attiva e la parità di genere.

Le risposte di Mara Ghidorzi alle cinque domande di SenzaFiltro

Trenord è l’unica azienda a offrire servizio di trasporto pubblico regionale. Che cosa proponete di fare per migliorare l’esperienza di servizio dei pendolari lombardi, che ogni giorno si muovono in treno per recarsi al lavoro?

Non risponde.

Qual è il modello di lavoro che la Regione Lombardia intende seguire in ottica di smart working, anche alla luce dell’accordo siglato proprio sullo smart working per i lavoratori del settore pubblico?

Lo smart working è uno strumento utile a livello ambientale, perché incoraggiarlo serve a tutelare anche l’ambiente. Essendo una nuova modalità di lavoro che non è ancora regolamentata, secondo noi deve passare dall’integrazione per la contrattazione nazionale. Non può essere un modo per risparmiare sui servizi. Faccio alcuni esempi: chi ad esempio paga l’energia utilizzata per lavorare o il ticket restaurant dovrebbe essere soggetto a rimborsi.

Tema dei giovani sul lavoro: in Italia ci sono tre milioni di “scoraggiati” tra i 15 e i 34 anni, e due su tre sono del tutto inattivi, i NEET. In Lombardia quale formazione si ha in mente per rappresentare in maniera più efficace il ponte ideale per trovare lavoro?

Risponde nella domanda successiva.

Collocamento e ricollocamento di donne e over 50 che escono dal mondo del lavoro: quale tipologia di formazione e quali politiche attive occorrono per favorire il loro reinserimento professionale?

Per il ricollocamento l’idea deve essere di fare dei corsi di formazione che rispondano alle esigenze della gente. In Lombardia c’è un grande mercato del lavoro, ed è quello dei disoccupati. Con il modello della dote i corsi che vengono fatti non mirano a formare, ma soprattutto ad arricchire il proprio ente. Qui ritorna il discorso del pubblico e del privato: noi proponiamo di abolire il modello della dote per investire i vari fondi, a partire dagli FSE, in una politica pubblica seria di collocamento che vada incontro alle esigenze dei disoccupati e alle richieste delle aziende. Ma ciò non può avvenire finché ci sarà questo modello, perché si lascia possibilità a enti privati di arricchirsi con corsi di formazione che non rispondono alle esigenze dei lavoratori.

In tema di sanità qual è la vostra idea sulla qualità del lavoro per i professionisti del settore, che dopo il COVID-19 sono fuggiti dalle strutture sanitarie pubbliche? Quali risorse saranno necessarie per attivare le nuove strutture sanitarie territoriali finanziate dal PNRR?

Per quanto riguarda la questione sanità, esistono dei Pronto Soccorso e degli ospedali. Sono stati chiusi i Pronto Soccorso e ridimensionati o chiusi alcuni reparti degli ospedali; ma se si chiudono i Pronto Soccorso in una zona, tutte le utenze confluiscono su quelli rimasti aperti, mettendo in difficoltà medici e infermieri. Quei pochi presidi medici non vengono potenziati. Si lasciano in una condizione indescrivibile, a sopportare flussi di utenze che fanno quello che possono. Ci sono persone per ore sulle barelle, e non perché gli operatori sanitari siano incompetenti, ma perché sono abbandonati a fare quello che possono, a causa delle chiusure dei presidi sanitari.

 

 

 

Photo credits: laprovinciapavese.it

CONDIVIDI

Leggi anche

Libertà di stampa vigilata: col decreto Cartabia i giornali li fanno i magistrati

Il nuovo decreto rischia di compromettere la cronaca nera e giudiziaria. L’allarme diramato dal Gruppo Cronisti Lombardi e dall’Associazione Lombarda dei Giornalisti: “Ma una parte della Giustizia non è d’accordo, mentre una parte dei giornali lo è”. Intervistiamo Fabrizio Cassinelli dell’ANSA, Maria Fiore de “La Provincia Pavese” e Cesare Giuzzi del “Corriere della Sera”.