Whistleblowing

I lavoratori fragili: “Senza tutele COVID lo Stato ci impone la scelta tra lavoro e sopravvivenza”

Pubblichiamo una lettera al Presidente Mattarella e ai componenti del Governo da parte di un gruppo di lavoratori fragili, costretti a tornare al lavoro senza tutele in seguito agli allentamenti nei protocolli di sicurezza.

Al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella;

agli onorevoli ministri;

agli onorevoli senatori e agli onorevoli deputati;

ai presidenti delle Regioni italiane;

ai presidenti delle province e sindaci metropolitani;

alle OO.SS. affinché le tutele per i lavoratori fragili vengano inserite nei CCNL;

a tutti i giornali con invito alla pubblicazione della presente lettera.

Scriviamo in qualità di lavoratori fragili e membri del gruppo “Immunodepressi tutela contro coronavirus” affinché vengano stabilite tutele durature e strutturali che possano proteggere dal contagio tutti i lavoratori fragili.

Lo richiediamo soprattutto in considerazione del fatto che:

  • il 30 giugno 2022 sono scadute le tutele previste dall’art. 26, comma 2 e 2 bis del Decreto-legge n. 18/202020, convertito in legge 27/2020 e successive modifiche, ossia malattia esclusa dal comporto e lavoro agile;
  • il 31 luglio 2022 è scaduta anche la sorveglianza sanitaria eccezionale prevista dall’art. 83, commi 1, 2 e 3 del Decreto-legge n. 34/2020 convertito con modificazioni con L. 77/2020 e successive modifiche.

Queste contingenze, con la pandemia ancora in corso, hanno posto la salute dei lavoratori fragili in grave pericolo.

Con l’allentamento di tutti gli obblighi relativi al distanziamento e la fine dell’uso delle mascherine persino al chiuso, senza le tutele e soprattutto con la fine del lavoro agile semplificato, per i lavoratori fragili tornare a lavorare in presenza diventa ancora più pericoloso.

L’apertura della crisi di governo ha fatto sì che tutti gli emendamenti e i richiami sul tema – da parte di pochi parlamentari, purtroppo – rimanessero disattesi, nonostante i protocolli sottoscritti tra Governo e OO.SS., lasciando i lavoratori fragili in balia di un vuoto legislativo che non può e non deve attendere la campagna elettorale.

Lo Stato è consapevole che i lavoratori fragili hanno un rischio più elevato di ospedalizzazione e morte e che il solo vaccino, a causa delle patologie di cui soffrono, non può assicurare protezione contro il COVID-19.

Le nostre patologie non hanno colore di partito o ideologia, e devono essere tutelate come previsto anche dalla Costituzione italiana. Chiediamo solo rispetto e dignità, oltre a poter continuare a lavorare in tutta sicurezza.

Considerato, infatti, che in materia di igiene e sicurezza sul lavoro, la Costituzione italiana (art. 2, 32 e 41) prevede la tutela della persona umana nella sua integrità psico-fisica come principio assoluto ai fini della predisposizione di condizioni ambientali sicure e salubri, e che lo Stato ha l’obbligo di tutelare i più fragili, affinché i lavoratori fragili non debbano scegliere tra la loro vita e il lavoro, abbiamo due urgenti richieste.

  • Il ripristino delle tutele previste dall’articolo 26, commi 2 e 2 bis del Decreto-legge n. 18/2020, convertito con modificazioni con Legge n. 27/2020 e successive modifiche (lavoro agile o, qualora non possibile, assenza equiparata a ricovero ospedaliero e non conteggiata nel periodo di comporto); questo almeno fino al 31 gennaio 2023, per tutti i lavoratori fragili e inidonei sia del settore pubblico che privato.
  • La proroga della sorveglianza sanitaria eccezionale previste dall’articolo 83, commi 1, 2 e 3 del Decreto-legge n. 34/2020, convertito con modificazioni con L. 77/2020 e successive modifiche.

Chiediamo inoltre di stabilire tutele durature nel tempo per tutti i lavoratori fragili.

Interesse primario dello Stato deve essere sempre la tutela dei disabili e dei fragili. Per questo motivo, in una situazione ad alto rischio per la loro salute e per la loro stessa vita, lo Stato è tenuto a tutelare milioni di lavoratori fragili a rischio.

Per questo invitiamo tutti, a partire dal Governo, Parlamento e dalle Regioni, a non chiudere gli occhi o girarsi dall’altra parte: nonostante il loro disinteresse e il loro autoreferenzialismo, noi esistiamo e vogliamo continuare a vivere.

Amministratori e referenti del gruppo

Daniela Bruiglia lavoratorifragili@virgilio.it

Rosanna Favulli lavoratori.fragili2022@gmail.com

Leggi gli altri articoli a tema Whistleblowing.

Leggi il mensile 115, “Infortuni mentali“, e il reportage “Sua Sanità PNRR“.


L’articolo che hai appena letto è finito, ma l’attività della redazione SenzaFiltro continua. Abbiamo scelto che i nostri contenuti siano sempre disponibili e gratuiti, perché mai come adesso c’è bisogno che la cultura del lavoro abbia un canale di informazione aperto, accessibile, libero.

Non cerchiamo abbonati da trattare meglio di altri, né lettori che la pensino come noi. Cerchiamo persone col nostro stesso bisogno di capire che Italia siamo quando parliamo di lavoro. 

Sottoscrivi SenzaFiltro

Redazione SenzaFiltro

Recent Posts

Boschi verticali e affitti di traverso. Milano prima per costo delle abitazioni prova a correre ai ripari

È sempre Milano la città più cara in Italia dal punto di vista degli immobili,…

11 ore ago

Mezzi di trasporto, non mezzi passeggeri: disabilità e accessibilità, diritti a intermittenza

L'autonomia delle persone con disabilità passa anche per il libero accesso ai mezzi pubblici. Una…

2 giorni ago

Altro che ripetenti: la scuola per adulti in Italia servirebbe a 13 milioni di persone

Le scuole per maggiorenni riguarderebbero un numero di studenti pari quasi al doppio delle scuole…

1 settimana ago

Reddito di cittadinanza: non basta cambiare le parole per rendere “occupabili” i “disoccupati”

Una settimana di passi falsi e parole fuori luogo hanno segnato l'esordio del nuovo Governo…

1 settimana ago

Editoriale 115. Infortuni mentali

Ciò che teniamo in borsa, o che nascondiamo nei cassetti dell’ufficio, dice chi siamo ma…

2 settimane ago

I dati IPSOS sulla salute mentale: “1 italiano su 10 ha pensato al suicidio nell’ultimo anno”

Gli indicatori della salute mentale hanno segnato un peggioramento più accentuato tra giovani e donne,…

2 settimane ago