- Advertisement -
Pulizia degli ospedali: dare l’esempio in prima linea, anche se non richiesto

Pulizia degli ospedali: dare l’esempio in prima linea, anche se non richiesto

Bilancio di fine anno da Viero Negri (Amedea Servizi): la gestione in prima linea delle operazioni di pulizia in ospedali e strutture sanitarie in emergenza COVID-19. E gli intralci dovuti a lentezza e disorganizzazione degli organi pubblici.

Stefania Zolotti

22 Dicembre 2020

La criticità nel gestire la paura dei propri collaboratori a buttarsi in prima linea contro il COVID-19 Viero Negri me la mette in elenco in mezzo a tutte le difficoltà che mi racconta come bilancio di fine anno ancora immerso senza sosta nelle attività di pulizia di ospedali e strutture sanitarie private, così come di aziende e attività di ristorazione collettiva.

Poi cosa intendo per pulizia lo spiego presto dato che mi fa subito capire quanta confusione terminologica sia stata creata in questi mesi nel linguaggio dei media ogni volta che si parla di virus. 

È uno dei quattro soci fondatori nonché direttore tecnico commerciale di Amedea Servizi, società in global service nata a fine 2006 e presente su tutto il territorio dell’Emilia Romagna, chiaramente con Bologna come epicentro ma anche con importanti attività operative su Ravenna e Forlì, fino a Reggio Emilia.

L’emergenza vista coi propri occhi

“Ci siamo da subito attivati attraverso il nostro RSPP (Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione) per la redazione e diffusione delle corrette procedure anti-Covid 19 sia all’interno dell’azienda che con i propri familiari. Poi ho ritenuto necessario in prima persona far comprendere ai nostri operatori che utilizzando correttamente tutti i DPI sarebbero stati al sicuro ma la paura ha iniziato a circolare più in fretta del virus perché non si era mai avuta una simile condizione di emergenza. Molti avevano paura non solo per sé ma anche per familiari immunodepressi. Non ho avuto alternative: più e più volte all’inizio mi sono messo in prima linea entrando prima di tutti loro negli ambienti a rischio. Coperto con la classica tuta tyvek e con tutti i DPI del caso: non potevo fare altro per dimostrare alla mia gente che non era sola e che l’azienda era al loro fianco. E poi avevo bisogno di capire e vedere coi…