Tutti gli articoli



Primo maggio
Che Primo maggio vorresti?

Un sondaggio lanciato da SenzaFiltro e FiordiRisorse ha chiesto ai partecipanti di descrivere il concerto del Primo maggio che vorrebbero, rispondendo a tre domande su rappresentanti, musica e sponsor. I risultati sono molto diversi dal programma reale. Purtroppo

Francesca Fagnani a Belve indossa i gioielli della discordia individuati da Striscia la Notizia
Se i giornalisti sono Belve e l’Ordine tace

Striscia la Notizia attacca Francesca Fagnani, che indossa gioielli “prestati” durante la sua trasmissione: ma il “tg satirico” non è un esempio di condotta giornalistica esemplare. Ed è in buona compagnia, in un mondo dell’informazione che l’OdG fa sempre più fatica a gestire

Quando il lavoro intacca il riposo: un pc con delle mail aperto su delle lenzuola
Questo lavoro inquina il sonno: meno power nap, più riposo

L’umanità ha perso almeno due ore di sonno a livello collettivo, e il bilancio è forse anche peggiore: colpa di un sistema lavorativo dai carichi e dagli orari vetusti. Una riflessione che parte dal libro Manifesto pisolini di Virginia Cafaro e coinvolge in intervista il neuroscienziato e professore universitario Luigi De Gennaro

Napoli e il turismo: il centro della città visto dall'alto
Il turismo che spacca Napoli

Il capoluogo campano scala i record per gli arrivi turistici, che però alimentano abusivismo e gentrificazione: e se la città che sognava di campare di turismo rischiasse di morirne? Facciamo il punto con l’ex sindaco Luigi De Magistris, il consigliere comunale Sergio D’Angelo, il consigliere regionale Luigi Cirillo e il digital storyteller Federico Quagliuolo

Lavoratori dell'editoria al limite dello sfruttamento: libri buttati per strada in abbandono
17.660 euro all’anno: chi campa di editoria muore di fame

I risultati del sondaggio condotto da Redacta rivelano che la metà dei lavoratori intervistati non ritiene la sua professione sufficiente a mantenersi. Un quadro diffuso in uno dei settori più importanti della produzione culturale, stravolto dalle esternalizzazioni e dall’isolamento dei freelance: ne parliamo con alcune attiviste